featured Slider

bruscolini di semi di anguria


Amati da pochi e odiati da molti, di sicuro a malapena sopportati, i semi di anguria, proprio loro, quelli che da piccoli ci dicevano che se mangiati avrebbero causato mal di pancia e fatto crescere una piantina nel nostro stomaco, non solo sono in realtà commestibili (anche se non bisogna esagerare con il consumo perchè leggermente lassativi) ma anche la parte più nutriente del frutto. Questi piccoli semi, di nero vestiti, sono infatti ricchissimi di proteine (100 grammi ne ha circa 35 grammi, più della stessa quantità di carne), antiossidanti, fibre, sali minerali come potassio, magnesio, zinco e ferro, di vitamina E e di vitamine del gruppo B.


Come gustarli al meglio? Si possono aggiungere alle insalate, utilizzarli nella preparazione di barrette energetiche, muffin, zuppe, condimenti speziati, té o così come ho fatto io, dei bruscolini.

La ricetta è molto semplice:
Lasciare i semi in bagno per una notte in acqua e sale, poi asciugateli bene al sole. Successivamente disponeteli su una placca ricoperta con carta da forno e tostateli con un filo d'olio e del sale in forno ventilato per 10-15 minuti a 160° fino a quando non risulteranno ben croccanti. 





insetti haute couture








Sciami di insetti preziosi come gioielli sono entrati negli atelier di Dior e Chanel e delicatamente si sono posati su eleganti abiti couture, trasformandosi per l'estate 2016 in esclusivi ricami, raffinati dettagli e ricercati decori. 

Dior haute couture s/s 2016 via Vogue

Dior haute couture s/s 2016




Dior haute couture s/s 2016 via wwd

Hemès 1950

Chanel haute couture s/s 2016


Chanel haute couture s/s 2016 via Vogue

cresceranno carote dai muri






Altro che ortaggi coltivati sui i tetti o sui balconi, in futuro cipolle, rape e ravanelli saranno raccolti direttamente dai muri delle città.

A sostenere questa tesi, i designer Nina Ballay e Anna Pierre dello Studio Objet Augmenté che hanno piantato nei muri e lungo i marciapiedi cittadini delle carote che sono state poi raccolte dai passanti.

Una semplice, ma di sicuro effetto, installazione pensata per informare i consumatori del crescente sviluppo di nuove specie di ortaggi e frutti geneticamente modificati in grado di adattarsi per sopravvivere in qualsiasi ambiente.

Questa facilità di coltivazione, ovunque e comunque, come spiegato dai due creativi, contribuirà sicuramente a trasmettere un'immagine sana delle città, che purtroppo però non sempre sarà coerente con la realtà.



meloni in bikini e cappello



In Giappone, ma non solo, i meloni Cantaloupe, tra i più succosi, dolci e costosi al mondo, calzano cappelli e indossano bikini. I primi per ripararsi dal sole, i secondi per rimanere sospesi in aria ed evitare così di essere attaccati dalla muffa e allo stesso tempo di maturare in modo uniforme e perfetto.


L'alternativa al costume da mare è quella di sdraiarsi nudi su comode amache. Opzione non da tutti!

foto via Youtube - BBC Mrs.living - Yokoyamanouen

meloni in abito a righe





Orizzontali, verticali, dark, pop, classiche, creative, le righe sono le grandi protagoniste ancora una volta della moda per l'estate. Proposte dagli stilisti in mille varianti e colori nessuno sembra proprio resistere dal mettersi in riga, neanche frutta e ortaggi, come l'insolito melone che si aggira tra i filari dell'orto mostrando orgoglioso, direi con vanità tutta maschile, il suo abito a righe naturali.

Vi chiederete: ma chi è costui? Il suo nome è Kajari Melon, viene dal lontano, più precisamente  dalla regione del Punjab (India), e non solo è bello ma anche buono. Il suo originale abito a righe infatti, che tanto lo fa assomigliare a una zucca e che varia di colore con la maturazione da verde ad arancio scuro, nasconde una gustosa e dolce polpa giallo paglierino dal retrogusto di mela.




Melon Kajari photos credits Rareseeds 

Collezione uomo Stella Jean