featured Slider

in PAIISA estiva


  



Giusto il tempo di gonfiare anche l'ultimo frutto e sarà vacanza!

Buona pausa estiva a tutti! Mirco

foto via Flaeck






l'orto dei senzatetto





Non solo Michelle Obama. Ad Atlanta anche un gruppo di senzatetto, dice no al cibo spazzatura, agli snack e ai fast food di infima qualità a basso costo che riempiono in fretta lo stomaco ma che a lungo andare hanno effetti negativi sulla salute. I senzatetto, supportati dall'associazione "Metro Atlanta Task Force For the Homeless hanno deciso così di coltivare ortaggi sul tetto dell'edificio che li ospita, realizzando un grande e ordinato giardino pensile di quasi novemila metri quadrati dove in coloratissimi e ordinati cassoni di legno si coltivano frutti e ortaggi destinati alla mensa della comunità dei meno fortunati, garantendo loro un'alimentazione nutriente, corretta e genuina.

Marmellata scorza bianca di cocomero



Mi sono sempre chiesto se le ripetute raccomandazioni di mia nonna di non mangiare il bianco dell'anguria fossero davvero fondate. Oggi, la risposta sta tutta in un vasetto di marmellata.


Seduto a gustarmi una fetta di pane toscano con marmellata di scorza di anguria sento da lontano la sua voce, riconosco il suo tono soave inciso nella mia memoria: "Mirco, ma che fai? la scorza di cocomero non si mangia, fa male!"...nonna tranquilla, è vero che è un pò più difficile da digerire, ma non fa male, tanto che sembra che per noi maschietti grazie alla citrullina, sostanza che tra l'altro non si trova nella gustosa polpa rossa, è un ottimo "viagra naturale".

Chiudo gli occhi, continuo a mangiare la mia buonissima marmellata, e sono invaso dai ricordi d'infanzia, di dolcissime fette d'anguria gustate in riva al mare o direttamente dai cocomerai produttori che vendevano i frutti nei chioschi lungo le strade, ai confini dei loro campi. Altri tempi allora erano vacanze scolastiche passate con i nonni, i cocomeri venivano venduti con il tassello, e la marmellata non si faceva con la scorza bianca d'anguria.


Questa la ricetta:

ingredienti
per 1 kg di scorza di anguria (parte bianca) pulita
1/2 kg di zucchero
1 bacca di vaniglia
il succo 1/2 limone

Pulite le scorze di anguria eliminando la parte verde, e tagliate a pezzetti la restante parte bianca che andrà unita allo zucchero, il succo di limone e i semi della bacca di vaniglia. Mettete tutto sul fuoco (medio) per un 1 ora. Spegnete, fate raffreddare, quindi frullare il tutto con un minipimer e rimettere sul fuoco per altri 20 minuti. A questo punto la marmellata è pronta.

Non resta che, con le solite dovute cautele (barattoli sterilizzati, invasare a caldo, chiudere immediatamente e capovolgere) invasare questa marmellata, perfetta da mangiare sul pane o da gustare con formaggi stagionati.







Abbecedario orticolo decisamente curvy






Donne cocomero, melanzana e pomodoro, animano questo abbecedario orticolo che esaltando la diversità, la bellezza naturale e curvy dei frutti, degli ortaggi, e delle donne va ben oltre l'essere uno strumento didattico per l'alfabetizzazione.

verdure parlanti




In Giappone, nel supermercato Hug la vendita di ortaggi ha registrato una crescita 250%. Il motivo? pomodori, pannocchie e broccoli "parlano" con i clienti. Semplicemente toccando i prodotti, infatti, si può ascoltare la voce dell'agricoltore che lo ha coltivato personalmente e che grazie a uno strumento promozionale in-store denominato "Talkable vegetables", racconta dove e come sono stati coltivati.

banane felici dal packaging che si sbuccia






La felicità per queste pregiatissime banane Shiawase, coltivate in una piantagione, che si trova in un parco nazionale a più di 1000 metri d'altitudine  nella regione centro-settentrionale dell'isola di Mindanao, nelle Filippine, è tutta nel nome: Shiawase in giapponese significa infatti "felicità". Nome che gli è stato dato perchè sembra che la loro coltivazione (e chissà poi perche?) rende molto felici i suoi agricoltori.

Food is Free...condividiamo il raccolto!








Questa iniziativa #Food is Free, che promuove la condivisione di frutti e ortaggi coltivati nel proprio orto mi piace davvero molto. Sarebbe bello vedere anche da noi cartelli, cassette e scatoloni come questi, dove si invita a prendere gratuitamente delle zucchine, si regala una piantina pronta per essere trapiantata, magari addirittura con i consigli utili per la sua coltivazione, o si offre una mela appena raccolta augurando una buona giornata.

una borsetta di pelle di frutta





Altro che di coccodrillo, struzzo o pitone, la borsetta più cool per la prossima stagione è realizzata con pelle di frutta ottenuta dal recupero e dalla trasformazione degli scarti vegetali provenienti dai mercati ortofrutticoli di Rotterdam, città di provenienza di un gruppo di studenti della Willem de Kooning Academie, inventori di questo nuovo materiale di origine vegetale, versatile e dai molteplici utilizzi.

Outfit orticoli





Sono sincero, e non me ne voglia nessuno, ma non amo molto le illustrazioni, e ormai ne vediamo tantissime di questo genere, realizzate con oggetti di uso quotidiano abbinati a semplici tratti di penna. 

Devo però comunque ammettere che se alcuni disegni che ho visto in rete, e su Instagram ce ne sono ormai a migliaia, lasciano molto a desiderare diventando spesso la brutta copia di altri, ce ne sono anche di interessanti come i bozzetti dell'illustratrice americana Gretchen Roehrs dove con abilità stilistica trasforma bucce di banana e limone, cime di rapa, carciofi e fragole in outfit orticoli perfetti per una sfilata couture.









Mangiami_ un libro tutto da gustare (con gli occhi e il palato!)




E dopo il libro tattile, quello profumato e quello da piantare, ecco Mangiami  un progetto "editoriale" 100% commestibile, da gustare con gli occhi e con il palato.

Rilegato con lo zucchero, il libro, dalle candide pagine di ostia intagliata e dai sofisticati pattern vegetali realizzati per svelare tutta la bellezza nuda e naturale di frutta e verdura, è (al momento) un pezzo unico ed è stato realizzato per un  progetto universitario dalla giovane graphic designer bresciana Patrizia Levi.

frutta sotto zero...ed è estate!




Calvin Klein Collection
primavera - estate 2105

Semplici, allegri, e buonissimi ice pops homemade alla frutta colorano ma sopratutto rinfrescano queste giornate di inizio estate decisamente calde e afose. 
Buon weekend!



Calvin Klein Collection
primavera - estate 2105

pescatori di angurie




Nella rete dei pescatori, o meglio dei contadini giapponesi, finiscono le angurie, perché solo coltivate così , sospese in aria, trattenute da reti e sapienti intrecci di nastri e corde, saranno al riparo da muffe e il sole le farà maturare in modo uniforme e perfetto.

riciclo e riuso_Porte da orto

via pinterest

via pinterest

Il campanello anche per questa stagione non funziona. Si prega di bussare prima di entrare!

Macchie solari sulla pelle: i rimedi naturali che crescono nell’orto


Soprattutto con l’estate può capitare a tutte le età di vedere comparire macchie scure indelebili sulle zone della pelle più esposte ai raggi solari, come braccia, mani, viso e décolleté.

a passeggio con un cavolo (al guinzaglio)





Non solo galline, maiali, cani e furetti, la nuova tendenza street style, e a questo punto credo proprio che l'orto-mania stia dando alla testa, vuole al guinzaglio anche le verdure. Cavoli su quattro ruote pronti per essere portati a spasso per la città.